Home MISTERO YULE, LE FESTA DEL SOLSTIZIO D’INVERNO

YULE, LE FESTA DEL SOLSTIZIO D’INVERNO

Scritto da MadameBlatt

Il nome “Yule” proviene dal vecchio “jól” norvegese e “géohol” in inglese antico, che era una stagione di caccia dopo la raccolta.
Col tempo, è stato associato al Solstizio d’Inverno, a dicembre.
La stagione natalizia durava dalla fine di novembre alle prime settimane di gennaio, ma la festa di Yule durava 12 giorni durante il Solstizio d’Inverno (21 dicembre) e segnava l’inizio del nuovo anno.
Anche se non abbiamo prove storiche precise, che indichino come veniva celebrato ogni giorno di Yule, ciò non ha impedito ai moderni praticanti della tradizione di creare i propri usi e costumi.
Questo è un esempio:

Frigg

~ Prima notte di Yule
20 dicembre – Notte della Madre: Frigg, le Ancelle e il Disir
Notte della Madre era una tradizione anglosassone, che è stata brevemente descritta in inglese medievale storico Beda, e che si svolge alla vigilia di Natale. Molti pagani moderni celebrano la Notte della Madre, nella notte prima di Yule, come celebrazione delle Dísir e dei poteri femminili. Le Dísir sono le nostre antenate femminili, con poteri soprannaturali, che incarnano i quelli della maternità, o spiriti femminili protettivi.
In questa notte, celebra le tue antenate, così come Frigg (Dea della maternità) e le sue ancelle.
Celebrazione:
stasera, prepara il cibo che le tue antenate preparavano o apprezzavano. Se non hai ricette di famiglia, puoi scegliere di preparare il cibo dei paesi da cui discendono i tuoi antenati. Se non hai già uno spazio nella tua casa riservato agli antenati o agli Dei, crea uno spazio per loro stasera che funga da altare. Aggiungi immagini di Dee, donne defunte nella tua linea o altri simboli che incarnano il potere femminile e la maternità. Non dimenticare di condividere la tua festa con le Dee e gli antenati e prepara loro un piatto di cibo prima di celebrare. Mentre offri il cibo, ringrazia i poteri femminili nella tua vita per tutte le cose che ti hanno dato. Dì loro, che offri sostentamento in segno di gratitudine, per tutte le volte che le donne della tua vita (siano esse fisiche o spirituali) ti hanno sostenuto.
Alla fine del tuo banchetto, scrivi i nomi delle 12 ancelle su 12 diversi fogli di carta. Chiedi a ogni persona presente di pescarne uno a caso. I misteri di quell’ancella sono ciò su cui dovresti meditare e cercare di praticare nel prossimo anno. Ecco alcuni esempi di cose su cui potresti concentrarti nel prossimo anno, a seconda di quale ancella parla:
1. Eir: guarigione, auto guarigione (fisica, mentale e spirituale), erboristeria, cura della salute degli altri.
2. Sága: storia, narrazione, scrittura, studio, studio dei propri antenati e lavoro con gli antenati.
3. Fulla: ricchezza, abbondanza, cura delle proprie risorse, difesa delle risorse degli altri.
2. 4. Gná: praticare una buona comunicazione, ascoltare i messaggi, essere un messaggero delle forze spirituali.
5. Lofn: praticare la tolleranza e la compassione, aiutare gruppi o persone incompresi , sperimentare l’amore in modi non convenzionali
6. Syn: protezione, protezione di sé o degli altri, protezione spirituale e fisica, pratica della cautela.
7. Vár: giuramenti e promesse, fare del proprio meglio per onorare i propri giuramenti, non fare promesse alla leggera.
8. Snotra: esercitati a essere un ospite gentile, ospitalità, buona etichetta, diplomazia.
9. Gefjon: pratica a dare e ricevere, generosità, gratitudine, accettazione.
10. Sjöfn: amore, affetto, apprezzamento per il tuo partner, romanticismo, aprirsi all’amore.
11. Hlín: rifugio, difesa degli altri, essere una spalla sicura su cui appoggiarsi, sapere quando chiedere aiuto.
12. Vör: lungimiranza, prestare attenzione ai presagi, praticare la divinazione, imparare a fidarsi del proprio istinto.

Sunna

~ Seconda notte di Yule
21 dicembre – Sunna e Mani
Il Solstizio d’inverno cade generalmente il 21 dicembre. Oggi celebrerai sia la notte più lunga dell’anno, che il ritorno del Sole, oltre all’allungamento dei giorni a venire.
Celebrazione:
Svegliati appena prima del sorgere del Sole e saluta Sunna, mentre fa la sua ascesa. Puoi accenderle una candela, o accenderle un fuoco fuori in un braciere, per offrirle forza ed aiutarla a salire. Falle delle offerte e ringraziala per il dono del suo fuoco, senza il quale niente al mondo potrebbe vivere. Le offerte appropriate per Sunna possono includere sidro, idromele, Goldschläger (grappa alla cannella, con scaglie d’oro molto sottili, ma visibili che galleggiano al suo interno), succo di mela, arance o fiori.
Durante il resto della giornata, trova un pezzo di legno che funga da ceppo di Yule. Puoi decorarlo con fiori, pino, erbe di buon auspicio, intagli di ruote solari, ecc (tieni presente che brucerai questo tronco, quindi non aggiungere nulla che possa essere tossico o emanare un odore sgradevole). Oltre a decorare il tuo ceppo di Yule, puoi anche preparare un ceppo di Yule da dessert, da gustare la sera. Non dimenticare di condividere un pezzo con Máni, che stasera sta tenendo la sua veglia più lunga dell’anno. Aspetta fino a dopo cena, quindi accendi il tuo vero ceppo di Natale nel caminetto. Il tronco di Yule ha lo scopo di aggiungere forza al fuoco di Sunna ed accelerare il suo ritorno. Come ulteriore magia, puoi scrivere su foglio qualcosa, che vorresti vedere rafforzato nel nuovo anno. Aggiungilo a un mix di erbe aromatiche, con proprietà di fortuna ed abbondanza (come cannella, noce moscata e pimento). Brucia la tua carta e le erbe nel fuoco di Yule, mentre preghi per la benedizione di Sunna. Salva le ceneri del Tronchetto di Natale, che utilizzerai la 12 ^ Notte.

Freyr

~ Terza notte di Yule
22 dicembre – Freyr e Álfar
Stasera onorerai Freyr e gli Álfar. Si dice che Freyr abbia ricevuto Álfheimr in regalo, quando gli è caduto il primo dente. Gli Álfar (come i Dísir) sono una classe di esseri mitologici alquanto misteriosi. Ci sono pagani moderni che li associano ai loro antenati maschi (proprio come i Dísir sono associati ad antenate femmine), mentre altri possono vederli come potenti spiriti della natura (le linee tra gli spiriti della Terra e gli spiriti dei morti, che furono sepolti nel terreno potrebbero spesso essere sfocate). Indipendentemente da ciò, gli Álfar (elfi) hanno mantenuto un’associazione con la stagione di Natale dai tempi pre-cristiani fino ad oggi, e si pensava che molti esseri soprannaturali vagassero per la terra durante questo periodo dell’anno. Se desideri onorare i tuoi antenati maschi questa sera, tira fuori le loro immagini e fanne un altare proprio come hai fatto la Notte della Madre.
Celebrazione:
Stasera prepara una cena a base di maiale in onore di Freyr. Ai vecchi tempi, si sarebbe prestato giuramento sul cinghiale di Freyr (l’origine dei nostri propositi per il nuovo anno). Prima di mangiare, assicurati di portare fuori un’offerta di cibo e birra per Freyr e gli Álfar. Mentre mangi, pensa a ciò che vorresti ottenere nel nuovo anno e ripassa le cose che hai realizzato nell’ultimo anno. Questo è un buon momento per brindare alle vittorie dei presenti e per condividere le cose che vuoi realizzare, in modo che possiate aiutarvi a sostenervi a vicenda nei giorni a venire.

Loki

~ Quarta notte di Yule
23 dicembre – Loki e Sigyn
Era l’ultimo giorno dei Saturnalia nel Calendario romano. Era un periodo in cui le regole sociali venivano capovolte, si scambiavano doni e si indossavano travestimenti. Oggi onora Loki come “Signore del Malgoverno” e la sua fedele moglie Sigyn.
Celebrazione:
La sera, organizza una festa o un banchetto, indossando maschere di animali. Più sciocco è, meglio è. Potresti persino eleggere un vincitore per rappresentare Loki e officiare l’evento.
La mascheratura di animali sembra che facesse parte delle tradizioni europee di Yule. Secondo Costantino Porfirogenito, nel suo libro “De cerimonii aulae Byzantiae” , i Goti della Guardia Varangiana eseguirono una danza per lui il 9 ° giorno di Natale, dove i Goti erano vestiti con maschere e pelli di animali. Durante il giorno, quindi, crea una maschera animale, che rappresenti un attributo che vorresti avere di più nel prossimo anno. Ecco alcuni esempi di animali significativi:
– Orso: alcuni associano l’orso a Thor, forza, potere, potenza, connessione con la Terra.
– Lupo: sacro a Odino e Loki, famiglia, fierezza, lealtà, lavoro insieme.
– Volpe: sacro a Loki (secondo molti adoratori moderni), astuzia, imbrogli, risoluzione dei problemi.
– Visone: giocosità, adattabilità, pensiero veloce.
– Foca: misteri delle acque, gioia, magia femminile e mutaforma.
– Cinghiale: Sacro a Freyja e Freyr, guerra, potere, ricchezza.
– Cavallo: Cooperazione, viaggio, avventura, supporto.
– Coniglio: prudenza, fertilità, rapidità, abbondanza.
– Gatto: sacro a Freyja, indipendenza, silenzio, bellezza, ferocia.
– Serpente / Drago: conoscenza segreta, misteri della malavita, trasformazione.
– Cervo: autorità, difesa, sacrificio di sé.
– Corvo: messaggero di Odino, magia, comunicazione, divora i morti e le persone non necessarie.
– Falco: sacro a Freyja e Frigg, messaggero spirituale, viaggio, percezione.
– Capra: sacro a Thor, cordiale, tenace, ambizioso, lussurioso.

Óðinn

~ Quinta notte di Yule
24 dicembre – Óðinn e Frau Holda
Óðinn era un Dio intimamente connesso alla stagione Yule, e uno dei suoi soprannomi è “Jólnir” ( “ Yule-essere”). È possibile che le visite notturne di Babbo Natale siano state in parte ispirate da storie precedenti dei viaggi di Óðinn sulla Terra durante Yule, come capo della caccia selvaggia. In alcune parti della Germania, Frau Holda era anche considerata il capo della caccia, oltre ad essere una Dea che governava la produttività della famiglia, l’inverno, la filatura e la magia.
Celebrazione:
All’inizio della giornata, crea degli “ornamenti dei desideri” per il tuo albero di Yule, in onore di Oski (l’aspetto di Odino come donatore di desideri). Crea un ornamento che incarni un desiderio, che vorresti vedere avverarsi nel prossimo anno. Chiedi la benedizione di Oski sul tuo desiderio, in cambio delle offerte che lascerai per lui stasera. Qualsiasi attività domestica come cucinare, pulire, stirare, ecc. dovrebbe essere svolta in onore di Frau Holda, al meglio delle tue capacità. Si diceva che Frau Holda avrebbe punito i pigri e ricompensato i produttivi.
In diverse parti dell’Europa settentrionale e occidentale, si credeva che Óðinn o Frau Holda fossero i capi della Caccia Selvaggia: una processione spettrale di spiriti, che cavalcava selvaggiamente nella notte e catturava ogni viaggiatore sfortunato che incrociava il loro cammino. Stasera, lascerai fuori le offerte per entrambi (l’equivalente pagano di lasciare biscotti e latte per Babbo Natale). Lascia le offerte fuori durante la notte, incluso qualcosa per Óðinn e Frau Holda (come birra, idromele, vin brulè, torte, carne, ecc.) E qualcosa per i loro cavalli (carote, mele, cubetti di zucchero, ecc.).

Balder

~ Sesta notte di Yule
25 dicembre – Balder e Nanna
Oggi Balder, secondogenito di Óðinn, muore e risorge, quindi deve essere onorato con sua moglie Nanna. Alcuni pagani moderni identificano Balder come una figura solare, che come il Sole che sorge e tramonta, scende anche negli Inferi e rinasce dopo Ragnarök. Si dice che Óðinn avesse messo il suo anello d’oro Draupnir sulla pira funeraria di Balder, che potrebbe anche essere interpretato come un simbolo solare, che rappresenta la discesa del Sole negli Inferi. Secondo Snorri, la fedele moglie di Balder, Nanna, morì di dolore e fu anche ella adagiata sulla pira prima che venisse bruciata e gettata in mare. In questo rituale, Balder è onorato come una divinità, che incarna la forza vitale del Sole che “muore” all’inizio dell’inverno e rinasce con l’arrivo dell’estate.
Celebrazione:
Secondo Snorri Sturluson, Balder fu ucciso da un dardo di vischio che Loki fece scagliare dal fratello cieco di Balder, Höðr, che aveva ingannato. L’unica cosa nella creazione che non era stata vietata, era di non fare mai del male a Balder. Secondo altri, Balder fu ucciso da una spada di nome “Mistlteinn” del suo nemico Hotherus, che era un eroe umano. In entrambi i casi, il vischio è una pianta associata a Balder, oltre ad essere una pianta che si ritiene abbia associazioni solari.
Stasera, accendi candele in casa in onore di Balder e Nanna, chiedendo loro di riempire la tua casa di luce e speranza. Benedici le sorgenti di vischio con preghiere di felicità e protezione per la casa e decorale con nastri, glitter, qualunque cosa colpisca la tua fantasia. Appendi il vischio a casa tua per allontanare gli spiriti malvagi e portare fortuna.

Kàri

~ Settima notte di Yule
26 dicembre – Kári e i suoi parenti
Stasera è in onore di Kári: un gigante del vento, che è il fratello di Ægir il Dio del mare e Logi, la “Macchia d’olio”. Alcuni pagani moderni considerano Kári come la personificazione del vento del nord in particolare, poiché i suoi figli e discendenti sembrano tutti di natura invernale. Kári è il padre di un figlio di nome Frosti (“gelo”) nella “Saga di Orkneyinga” e di un figlio di nome Jökul (“ghiacciaio”) in “Hversu Noregr byggdist”. Questo figlio è, a sua volta, il padre di Snær (“neve”), che è il padre di Þorri (Þorri è il nome di una figura tipo “padre inverno”, per la quale è chiamata la vacanza invernale islandese Þorrablót) e tre figlie chiamate Mjöl (“neve farinosa”), Drífa (“nevicata”) e Fön (“cumulo di neve”).
Celebrazione:
Stasera, prepara una festa a base di stufato di agnello e laufabrauð (pane in foglia). Fare il pane con le foglie è una tradizione natalizia islandese, e i suoi disegni simili a fiocchi di neve lo rendono un’offerta appropriata per Kári e gli spiriti dell’inverno. Fare e progettare il pane è un’attività di famiglia, divertente ed è meglio farlo in gruppo. Prima di cenare, lascia fuori un po’ di stufato e pane di foglia come offerta a Kári e alla sua famiglia, magari aggiungendo un po’ di vodka ghiacciata o grappa alla menta.

Skaði

~ Ottava notte di Yule
27 dicembre – Skaði e Ullr
Oggi si può onorare Skadi e Ullr. Skaði è la gigantessa del gelo, che è diventata una Dea, dopo aver sposato il dio del mare Njorðr. È associata all’inverno e uno dei suoi nomi è la “Dea delle racchette da neve”. Ullr è il figlio di Sif e il figliastro di Þórr, che è associato agli alberi di tasso, al tiro con l’arco, alla caccia e allo sci. Entrambi gli Dei sono associati alle terre selvagge della foresta, e quindi l’offerta di oggi è anche un’offerta agli uccelli selvatici, agli animali e agli spiriti dei boschi.
Celebrazione:
Oggi, crea ornamenti commestibili con popcorn e frutta secca, infilati su una corda naturale. Porta gli ornamenti a un albero nel tuo cortile o nella natura. Decora l’albero e lascialo come offerta agli animali e agli spiriti della natura. Assicurati di non lasciare nulla che possa essere dannoso per gli animali o che non sia biodegradabile, poiché un’offerta del genere non sarebbe ben accolta da Skaði o Ullr.

Njordr

~ Nona notte di Yule
28 dicembre – Njordr e Nerthus
Oggi, onore a Njorór e alla Dea germanica Nerthus. Njorðr è uno dei Vanir, associato alla ricchezza dell’oceano e al commercio estero. E’ il padre dei gemelli Freyja e Freyr, figli della sorella senza nome, che alcuni pensano sia la misteriosa Dea tedesca Nerthus, sua gemella / controparte femminile. Secondo Tacito, invece, Nerthus è una Dea della Terra, che promuove la pace e la prosperità, ovunque sia la sua immagine.
Celebrazione:
Per la tua cena stasera, prepara un budino di prugne, da condividere con la tua famiglia. Tradizionalmente, ogni membro della famiglia dovrebbe aiutare a mescolare la miscela, durante la preparazione del budino, chiedendo fortuna e benedizioni. Benedici una moneta d’argento nel nome di Njorðr e Nerthus e nascondila nel budino, prima di cuocerla (mangia con attenzione!). La persona che trova la moneta riceve una benedizione di ricchezza per il prossimo anno e dovrebbe conservarla come portafortuna. Assicurati di mettere da parte un po ‘di budino, come offerta anche a Njorðr e Nerthus.

Freyja

~ Decima notte di Yule
29 dicembre – Freyja
Oggi si onorerà Freyja nel suo aspetto come maga e veggente, per chiederle auspici per quanto riguarda il prossimo anno.
Celebrazione:
Stasera, invoca Freyja, per aiutarti nella divinazione per il nuovo anno. In Germania alla vigilia di capodanno, alcune famiglie divinano per la loro fortuna, usando Bleigiessen (colata di piombo). Piccoli pezzetti di stagno vengono sciolti e poi lasciati cadere nell’acqua. La forma creata dal metallo viene esaminata per determinare il futuro. Se non riesci a trovare un kit di piombo, puoi anche usare le candele, versando la cera di candela nell’acqua e poi interpretando le forme nella cera. Assicurati di fare un’offerta a Freyja per ringraziarla della sua assistenza. Ricorda che le piacciono lo champagne, le fragole, il cioccolato, l’incenso ambrato e i fiori.

Iðunn

~ Undicesima notte di Yule
30 dicembre – Iðunn e Bragi
Oggi onore a Iðunn e suo marito Bragi, bevendo “wassail” e cantando per la fertilità di un albero da frutto e per buona fortuna, per il prossimo anno.
Celebrazione:
Il Wassail è una bevanda brulé che tradizionalmente si beveva l’11^ notte, ma anche durante i 12 giorni di Yule in Inghilterra. Il rituale del Wassailing era svolto per pregare per un buon raccolto di mele. Si auspicava che tutti avrebbero circondato il più grande albero di mele, cantato una canzone tradizionale e posto pezzi di pane tostato imbevuti di wassail sui rami per gli uccelli (e gli spiriti ). Se hai un albero da frutto a casa tua, puoi pregare il tuo albero, chiedendo la sua fecondità nel prossimo anno. Se non possiedi un albero da frutto, puoi trovare un albero del genere in un parco o in natura, oppure andare da un amico a cui piacerebbe che il suo albero fosse benedetto. Offri all’albero e agli spiriti (e agli uccelli!) pezzi di pane tostato immersi nel wassail, lasciato sui rami dell’albero.

Þórr

~ Dodicesima notte di Yule
31 dicembre – 12 ° Notte: Þórr e Sif
Stasera onorerai Þórr e Sif, oltre a benedire la tua casa per la protezione e scacciare gli ultimi spiriti vaganti di Yule, che sono ancora tra i mondi. Era tradizione terminare i festeggiamenti di Yule “cacciando fuori”.
Celebrazione:
Oggi, purifica spiritualmente e fisicamente la tua casa. Un modo per ottenere ciò, è bruciare le erbe che erano tradizionalmente associate all’eliminazione delle energie malvagie (vale a dire Artemisia e Ginepro nelle tradizioni settentrionali) e fumigare la casa, partendo dal retro della casa e procedendo verso la parte anteriore e fuori dalla porta d’ingresso. Si credeva anche che il fuoco e il ferro scacciassero gli spiriti maligni, e si poteva portare fuoco o ferro attraverso la casa con preghiere per l’aiuto di Þórr. Prendi le ceneri che hai salvato dal tuo ceppo di Yule e spargile lungo le porte per proteggerti.
Quando la mezzanotte colpirà la vigilia di Capodanno, batti pentole e padelle, per creare una cacofonia , un modo tradizionale per scacciare gli ultimi spiriti persistenti di Yule, che potrebbero causare problemi nel prossimo anno, se non torneranno al loro corretto posto. Potresti considerare di cantare una canzone rumorosa e turbolenta per Þórr a mezzanotte, assicurando un nuovo inizio in casa.

 

Per buon augurio, in questi giorni, potremmo preparare il ceppo di Natale, il famoso “Bûche de Noël”.
La ricetta è una tradizione francese, che celebra il ceppo di Natale sotto forma di un dessert fantasia, fatto di sottile foglio di pan di spagna, spalmati con glassa di burro e poi arrotolati a formare un tronco.
Il Bûche de Noël viene quindi decorato con corteccia di glassa al cioccolato, foglie di agrifoglio candito e funghi meringati.

 

Ingredienti
Per il ripieno:
200 gr di zucchero a velo
115 gr di burro, a temperatura ambiente
1 cucchiaio e mezzo di cacao amaro in polvere
1 pizzico di sale
2 cucchiai di liquore al caffè
100 gr di mascarpone

Per il Pan di Spagna:
2 cucchiai di burro fuso
60 gr di cacao amaro in polvere
½ cucchiaino di sale
2 cucchiai di farina 00
5 uova grandi, a temperatura ambiente
140 gr di zucchero bianco
½ cucchiaino di vaniglia
2 cucchiai di zucchero a velo o secondo necessità

Per la ganache:
250 gr di panna, bollente
250 gr di gocce di cioccolato fondente

Decorazioni varie natalizie.

Monta zucchero a velo, burro, cacao in polvere, sale e liquore al caffè insieme nella ciotola. Trasferisci la crema al burro in una ciotola separata e aggiungi il mascarpone. Mescola e metti al fresco.
Preriscalda il forno a 200 gradi C. Spennella un po’ di burro fuso su una teglia da forno bordata di 35×45 cm. Fodera la teglia con carta da forno e spennella sopra il burro fuso rimasto.
Setaccia ed unisci il cacao in polvere, il sale e la farina insieme in una ciotola.
Metti le uova nella ciotola. Aggiungi lo zucchero e monta fino a ottenere un composto morbido, denso e molto chiaro. Aggiungi 1/2 della miscela di cacao in polvere e l’estratto di vaniglia; mescola per pochi secondi. Incorpora il restante composto di cacao a fuoco lento per alcuni secondi. Mescola la pastella fino a quando non si sarà amalgamata uniformemente.
Versa la pastella nella teglia preparata e stendi con una spatola, lasciando un po’ di spazio sui bordi.
Cuoci nel forno preriscaldato fino a quando la parte superiore è asciutta e i bordi iniziano a staccarsi dai lati, da 8 a 10 minuti.
Spolvera un canovaccio pulito con zucchero a velo sufficiente a coprire un’area leggermente più grande del pan di spagna. Togli la torta dal forno. Fai scorrere un coltello lungo i bordi della teglia. Cospargi un po’ di zucchero a velo sopra. Passa una spatola sotto la carta forno, per assicurarti che non si attacchi alla teglia.
Capovolgi rapidamente la teglia sopra l’area zuccherata. Rimuovi la carta forno e spolvera la torta con altro zucchero a velo. Arrotola delicatamente la torta all’interno dell’asciugamano; lascia raffreddare per 15 minuti.
Srotola la torta e aggiungi una cucchiaiata di crema al burro, riservandone un po’ per dopo. Distribuisci la glassa sui bordi. Arrotola la torta sopra la glassa, usando l’asciugamano per sollevarla se necessario. Cospargi più zucchero a velo sopra. Avvolgi il ceppo nella pellicola. Metti in frigorifero fino a quando non si solidifica, circa 2 ore.
Unisci le gocce di cioccolato e la panna calda in una ciotola. Lascia riposare per 1 minuto. Sbatti fino a quando il cioccolato si scioglie.
Fai un taglio ad angolo di 7 cm da un’estremità del tronco. Metti il ​​ceppo su una teglia rivestita di carta forno. Applica un po’ di crema al burro sulla fetta ad angolo e fissala su un lato. Distribuisci uno strato di ganache su tutta la torta. Metti in frigorifero per 15 minuti per rassodare la ganache.
Incidi delle linee nella ganache, usando la punta di un coltello per creare l’aspetto della corteccia degli alberi. Metti in frigorifero fino a completo raffreddamento prima di servire. Spolvera con cacao in polvere e zucchero a velo.
Guarnisci a piacere, con fantasia.

You may also like

MadameBlatt.it
“La speranza è il tappeto magico che ci trasporta dal momento presente nel regno delle infinite possibilità” (H. J. Brown)

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso. Accetta Maggiori informazioni