Home CURIOSITA' IL NATALE E LE SUE LEGGENDE

IL NATALE E LE SUE LEGGENDE

Scritto da MadameBlatt

Quasi ogni tradizione natalizia ha una leggenda dietro di essa.
Qualcuna è divertente, altre trasmettono un messaggio importante, o ci insegnano un’importante lezione di vita.
In tutti i casi, la leggenda racconta alcuni valori semplici ma significativi della vita, oltre ad impregnare la storia di fascino e magia.

 

LA LEGGENDA DI BABOUSHKA

Per esempio, Baboushka (nella lingua russa ‘vecchia’ o ‘nonna’), è un personaggio immaginario popolare e fa parte di una tradizionale leggenda natalizia, che si basa su un racconto popolare, noto al popolo russo anche prima della Rivoluzione russa del 1917.
“Baboushka viveva da sola in una piccola capanna situata accanto ad un incrocio, dove si intrecciavano quattro strade principali. Non aveva vicini e viveva lontano da tutte le altre città e villaggi. L’unica sua compagnia era solo il rumore dei carri trainati da asini, i cavalieri a cavallo, i passi degli estranei che passavano.

Baboushka

In inverno, a Baboushka rimaneva solo il canto degli uccelli, che nutriva con le briciole rimaste dai suoi pani di grano, ma anche gli uccelli andavano via.
Baboushka era troppo vecchia e fragile, per tagliare ceppi di legno per accendere un fuoco che l’avrebbe tenuta al caldo e non aveva nemmeno denaro per comprare le candele, per illuminare le stanze della sua casa.
Quindi d’inverno, ella trascorreva la giornata seduta a casa al buio, in attesa del ritorno dell’estate.
In una dura notte d’inverno, Baboushka udì voci di viaggiatori e il tintinnio delle campane.
All’inizio, pensò che i suoni fossero prodotti dal tintinnio dei ghiaccioli sui rami ghiacciati, ma presto le voci si fecero più forti e si udirono i grugniti degli animali.

Baboushka-Ph. StoryWraps

Baboushka accese immediatamente la sua ultima candela, si avvolse una sciarpa intorno alla testa e sbirciò attraverso la sua finestra ghiacciata, rimanendo poi sorpresa nel sentire bussare alla porta.
Sulla soglia, c’erano tre uomini vestiti con costosi abiti di pelliccia, seduti su cammelli.
Uno di loro disse a Baboushka, che stavano seguendo una stella nel cielo, che li avrebbe condotti da un Re neonato e le chiese di unirsi a loro nel loro viaggio alla ricerca del bambino.
Baboushka rifiutò la loro offerta e gli uomini andarono via.
Dopo un po’, Baboushka si rammaricò del proprio rifiuto e, angosciata, decise di cercare i tre saggi e incontrare il bambino speciale appena nato.
Quindi, indossò la sua sciarpa di lana, il suo mantello, prese un cesto con delle prelibatezze per il bambino appena nato e camminò nel freddo sconosciuto.

Baboushka – Ph. arthurscholey.co.uk

Di villaggio in villaggio, Baboushka viaggiava e raccontava la storia dei tre saggi e del bambino speciale a tutti quelli che incontrava, ma gli abitanti del villaggio non potevano aiutarla.
La donna guardava attentamente ogni bambino che vedeva, sperando di identificare il bambino di cui si parlava tanto. Rendendosi conto che non lo erano, andava via immediatamente, ma non prima di aver lasciato loro un piccolo regalo, mentre dormivano profondamente nei loro letti.
Baboushka viaggiò per anni, senza trovare quel bambino speciale, che era in effetti Gesù Cristo.
Alcuni dicono che se Baboushka fosse ancora viva, forse lo starebbe ancora cercando.”

 

LA LEGGENDA DEGLI ANGELI DI NATALE

Amiamo decorare i nostri alberi di Natale con ghirlande, sfere colorate, stelle, bastoncini di zucchero, figure natalizie, campane e, soprattutto, con angeli.
La presenza dell’angelo di Natale rende l’albero ancora più divino. La tradizione di decorare gli alberi di Natale con gli angeli è seguita da secoli in quanto, di natura immortale e virtuosa in ogni senso, queste creature sono benedette da un paio di ali e un’aureola sopra le loro teste.
Gli angeli fungono da intermediari tra Dio e le persone e ci sono molte storie che ne narrano, anche perché risvegliano lo spirito del Natale in chi vuole credere alle favole.


“C’erano una volta due amici angeli, uno dei quali indossava abiti rosa e l’altro indossava abiti blu.
Questi angeli erano noti per cantare incantevoli duetti e lodare la gloria di Dio, suonando anche trombe fatte di argento puro, che emettevano i suoni più melodiosi mai uditi dall’uomo, ma facevano anche parte di un’orchestra.
Un giorno Temira, il loro direttore d’orchestra, condivise notizie meravigliose ai membri dell’orchestra angelica, dicendo che Dio aveva deciso di mandare suo ‘Figlio’ a vivere tra il ‘Suo’ popolo. Sentendo questa notizia, gli angeli furono felicissimi e decisero di allestire un evento musicale per l’occasione più importante della storia.


L’evento musicale doveva essere impeccabile e solo gli angeli con le voci migliori furono scelti per cantare.
Temira chiese alla sua orchestra se sapeva cosa fare e per quale scopo cantava e l’angelo vestito di rosa rispose, dicendo che il ‘Signore’ voleva che gli angeli si mostrassero ai pastori, che abitavano sulle colline di Betlemme, e aggiunse anche che i pastori avrebbero potuto avere paura, perché non avevano mai visto angeli in vita loro.
L’angelo azzurro aggiunse che i cherubini potevano allontanare la paura dei pastori cantando e dichiarando l’arrivo del ‘salvatore’ sulle terre umane.
Sentendo le risposte di entrambi gli angeli, Temira sorrise e annuì.


Nel giorno della nascita di Gesù Cristo, gli angeli di Natale si avviarono per incontrare i pastori e suonarono poche note per gioire della nascita di Gesù bambino.
I pastori erano sbalorditi, in quanto in vita loro non avevano mai affrontato esseri divini.
Gli uomini rimasero stupiti da questa improvvisa apparizione e il loro cuore si riempì di umiltà e amore per Dio.
Gli angeli cantavano lodi a Dio e diffondevano felicità tutt’intorno, pronunciando le parole: ’Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra, buona volontà agli uomini’.”

 

LA LEGGENDA DI RUDOLPH, L’AIUTANTE DI BABBO NATALE

Un personaggio popolarissimo è Rudolph, la renna dal naso rosso brillante, una delle pregiate renne di Babbo Natale.
Conosciuto per tirare la slitta di Babbo Natale, si pensa che il naso di Rudolph illumini il percorso, mentre Babbo Natale va di casa in casa, mettendo regali sotto l’albero di Natale.
Una storia affermava che il personaggio di Rudolph fosse stato creato da un uomo, per consolare sua figlia alla notizia della morte di sua madre.


Altri, invece, dicono che Rudolph sia stato creato esclusivamente per scopi commerciali, quando la società Montgomery Ward, a Chicago, chiese a uno dei suoi dipendenti, Robert L. May, di presentare una storia di Natale come espediente promozionale. May iniziò a sviluppare una storia, usando la renna come protagonista, inventando il nome Rudolph, e testò lo scheletro del personaggio di Rudolph su sua figlia, per assicurarsi che la renna piacesse ai bambini.
Altre dicerie nacquero intorno al naso rosso di Rudolph, che veniva paragonato all’immagine degli ubriaconi e al bere, in quanto le persone che bevono molto, spesso hanno il naso rosso.
Comunque sia, la storia e la rappresentazione di Rudolph furono approvate e, negli anni ’40, più di 2 milioni di opuscoli di ‘Rudolph la renna dal naso rosso’ furono fatti circolare in tutto il Mondo. Dopo la seconda guerra mondiale, ‘Rudolph la renna dal naso rosso’ si trasformò in un fumetto e fu stampato commercialmente.


C’era anche una canzone chiamata “Rudolph the Red-Nosed Reindeer”, creata da Johnny Marks, che divenne una delle canzoni natalizie più vendute di tutti i tempi.
“Rudolph era una delle renne di Babbo Natale, non una qualunque e, sebbene fosse preso in giro per il suo naso rosso, non era considerato imbarazzante dalla sua famiglia e dai suoi amici.
Rudolph era cresciuto in una famiglia benestante ed era anche una renna responsabile, preoccupata per la sua autostima.
Quando Babbo Natale stava consegnando i regali in città, trovò una luce rossa che si intravedeva in una delle case.
Si imbatté per caso in Rudolph e concluse che, senza la luce guida del naso di Rudolph, egli avrebbe potuto essere vittima di un incidente, mentre viaggiava sulla sua slitta.
Dopo aver completato i suoi giri, Babbo Natale scelse Rudolph per far parte della sua squadra e per guidare la strada del ritorno al Polo Nord.”
E da allora, Rudolph è stato considerato una delle leggende natalizie più popolari e continuerà ad esserlo, finché la storia del Natale vivrà.

You may also like

MadameBlatt.it
“La speranza è il tappeto magico che ci trasporta dal momento presente nel regno delle infinite possibilità” (H. J. Brown)

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso. Accetta Maggiori informazioni