Home STORIE E LEGGENDE VEGETALI STORIE E LEGGENDE VEGETALI: ATAWA, L’ALBERO DELL’OLIO AFRICANO

STORIE E LEGGENDE VEGETALI: ATAWA, L’ALBERO DELL’OLIO AFRICANO

Scritto da MadameBlatt

L’Atawa (Pentaclethra macrophylla), noto come “Albero di fagiolo africano”, è un albero che cresce nelle pianure umide dell’Africa.
Appartiene alla famiglia delle Fabaceae ed è un albero da seme, che può raggiungere i 20 metri d’altezza e 6 di circonferenza.
Ha la caratteristica ramificazione bassa, a corona aperta ed i fiori profumati, gialli o bianco-rosati.

Ph. innspubnet.wordpress.com

I frutti si trovano nella maggior parte dell’anno ed i baccelli contengono dai 6 ai 10 semi commestibili che, oltre ad essere utilizzati come olio combustibile (la pianta è chiamata anche “Albero di fagioli da olio”) vengono fatti fermentare per fare l’Ugba, un condimento molto usato nelle zuppe in Nigeria, oppure il burro ‘Owala‘, un ingrediente usato per fare candele, lubrificanti ed unguenti nell’Africa Centrale.

Ph. scialert.net

Ugba-Ph. mofeinternationalfoods.com

L’Atawa è piantata ai margini delle aziende agricole, principalmente per i suoi semi commestibili ed è una componente fondamentale di questo sistema agroforestale.
Il legno è molto adatto per fare legna da ardere e carbone vegetale, ma anche è usato per scolpire ciotole ed utensili in Nigeria e Ghana.
In Ghana, le ceneri bruciate dei baccelli servono per realizzare un mordente colorante.

Ph. indiamart.com

Nella medicina popolare si usano i semi schiacciati in caso di aborto; mentre decotti di foglie e fusto sono utilizzati contro la diarrea.
I semi sono anche decorativi per creare rosari, perline, collane, ecc. ma, polverizzati, sono usati come componenti di un veleno per frecce, come veleno per pesci e come droga leggera.
L’olio di Atawa è emolliente e si utilizza per ammorbidire e levigare la pelle.

Ph. botanicalbeads.com

ATTENZIONE: I semi contengono un alcaloide tossico.

You may also like

MadameBlatt.it
“La speranza è il tappeto magico che ci trasporta dal momento presente nel regno delle infinite possibilità” (H. J. Brown)

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso. Accetta Maggiori informazioni