Home STORIE E LEGGENDE VEGETALI AGAVE, IL DONO DEGLI DEI

AGAVE, IL DONO DEGLI DEI

Scritto da MadameBlatt

L’Agave è un genere (circa 200 specie) di piante succulente, originario del centro America.
Nei luoghi d’origine si trova spontanea, dal livello del mare fino a 2400 metri: deserti e regioni aride di pianura, collinari, costiere.
Generalmente, presentano tronco grosso e robusto ramificato alla base e portamento a rosetta.
Le rosette hanno foglie ovate, lunghe 50-70 cm, spesse, finemente dentate di colore verde chiaro o grigiastro.
Le infiorescenze a racemo portano fiori bianco verdastri.

Ph. steinchen on Pixabay

Ph. meineresterampe on Pixabay

Ph. Hans on Pixabay

Il termine generico deriva dal greco ‘agaué’ = magnifica, in riferimento all’eleganza della forma e alla vistosa fioritura.
Il termine specifico allude all’area di origine della specie.
I fiori delle Agavi sono impollinati da molti animali: pipistrelli, colibrì, api, farfalle, ed altri insetti.
L’Agave ha una lunga storia di importanza etnobotanica, specialmente per i popoli del Messico, dove il genere è più diversificato.
Molte specie hanno un forte tessuto fibroso nelle foglie, chiamato Sisal e Henequen, utili produrre corde, spazzole, sandali, reti, materassini e altri oggetti simili.

Ph. odemilson on Pixabay

Le fibre di alcune specie possono essere rimosse con la spina terminale della foglia ancora attaccata, formando una specie di ago e filo.
In molte specie, le foglie della rosetta possono essere rimosse per rivelare il gambo spesso, o “cuore”, che può essere arrostito e mangiato direttamente, o macinato in tortini commestibili.
Lo stelo è particolarmente denso di carboidrati ed è anche la fonte di alcoli mescalinici e nettare di Agave.
Per preparare il Mezcal, la linfa dei cuori di Agave vengono arrostiti o cotti a pressione e in seguito viene fermentata e distillata.

Mezcal-Ph. mochilazocultural on Pixabay

Tequila-Ph. Ernest_Roy on Pixabay

Con l’Agave blu si produce la Tequila.
L’Aguamiel è un’altra bevanda estratta dall’Agave, che si gusta fredda.
Il nettare di Agave è un dolcificante sciropposo usato come alternativa allo zucchero.
Il Pulque è un’altra bevanda tradizionale messicana, viene prodotta facendo fermentare la linfa del gambo dell’infiorescenza.

Ma attenzione, perché la linfa grezza della maggior parte delle specie di Agave è considerata tossica e richiede la cottura prima dell’ingestione.

Agave attenuata-Ph. Hans on Pixabay

Diverse varietà di Agave erano impiegate dai nativi americani  Tarahumara come veleno per i pesci, mentre il succo dell’Agave lechuguilla era usato per avvelenare le punte delle frecce.
L’Agave è stata utilizzata per secoli, forse anche migliaia di anni, dalle antiche civiltà mesoamericane per innumerevoli benefici per la salute.
Era usata in particolare dagli Aztechi, che la chiamavano il “Dono degli Dei”, per una bevanda cerimoniale fermentata naturalmente, Pulque, che è ancora popolare nel Messico moderno.
Il nettare vegetale dell’Agave blu ha anche proprietà antibatteriche che, se mescolate con il sale, sarebbero usate per curare ustioni e ferite .

Pulque- Ph. cartermuseum org

Gli Aztechi lo usavano anche per curare il diabete e regolare la glicemia, uno dei suoi usi più comuni nella cultura americana moderna.
Inoltre, credevano che avesse poteri che aiutavano l’infertilità.
La leggenda narra, che la pianta di Agave fosse un “dono degli Dei”.
Gli Aztechi credevano che quando la Terra nacque, ci fosse una Dea nel cielo, Tzintzimitl, che era malvagia e divorava la luce.
Aveva gettato la Terra nell’oscurità e costringeva gli indigeni a fare sacrifici umani, in cambio di un po’ di luce.

Tzintzimitl

Un giorno Quetzalcoatl, il “Serpente Piumato”, stanco di questo trattamento, decise di fare qualcosa al riguardo.
Quetzalcoatl credeva nell’onore, così salì al Cielo per combattere la dea malvagia Tzintzimitl.
Nella sua ricerca non la trovò, ma s’imbattè invece nella nipote, Mayahuel (una delle Dee della fertilità), che era stata rapita dalla Dea malvagia.
Quetzalcoatl si innamorò di lei e, invece di uccidere Tzintzimitl, portò Mayahuel sulla Terra per vivere con lei.
Quando Tzintzimitl lo scoprì, si arrabbiò moltissimo e iniziò a cercarli.

Quetzalcoatl

La coppia fu costretta a correre da un posto all’altro per nascondersi da lei.
Un giorno decisero che, poiché non c’era nessun altro posto dove nascondersi, sarebbero diventati alberi.
I due alberi stavano fianco a fianco, in modo che le loro foglie si accarezzassero a vicenda ogni volta che soffiava il vento.
La Dea malvagia continuò la sua ricerca e inviò le sue stelle divoratrici di luce che, finalmente, trovarono i due amanti.
Tzintzimitl scese e ci fu una grande lotta in cui Mayahuel restò uccisa.
Quando lo scoprì Quetzalcoatl, arrabbiato e triste, seppellì i resti della sua amata, poi volò in Cielo e uccise la Dea malvagia.

Mayahuel

Così la luce tornò sulla Terra, ma Quetzalcoatl aveva perso una persona cara.
Ogni notte andava alla sua tomba e piangeva.
Gli altri Dei lo videro e pensarono di dover fare qualcosa per lui.
Una pianta iniziò a crescere sul luogo di sepoltura e gli Dei le conferirono piccole proprietà allucinogene, che avrebbero confortato l’anima di Quetzalcoatl.
Da quel momento in poi, egli avrebbe potuto bere l’elisir che proveniva da quella pianta e trovare conforto.
È così che gli Aztechi credevano che fosse nata la pianta di Agave, e che le fossero state date le proprietà, che oggi sono nella Tequila: confortare l’anima di coloro che hanno perso qualcuno a loro caro.

Mayahuel-Pulque

In seguito, Mayhuel è diventata una figura conosciuta come la Dea del Maguey (Agave), o come la Dea del Pulque.
Rappresentata come “La donna dai 400 seni”, è spesso raffigurata con Centzon Totochtin ,”i 400 conigli” ⇒leggi articolo sul Coniglio⇐ che sono i suoi figli, ognuno dei quali rappresenta i molti volti e personalità, che le persone possono mostrare quando sono ubriache.
Si pensa che Pulque sia stata la vera bevanda che Mayahuel ha scoperto e condiviso con le persone.
È l’antico predecessore di altri liquori a base di Agave come il Mezcal e la Tequila.
La differenza principale tra i tre spiriti è la specie di pianta maguey utilizzata.
Inoltre, il Pulque non viene distillato, invece l’ Aguamiel (letteralmente “acqua di miele”) viene lasciato fermentare naturalmente, in un processo simile alla produzione del vino.

Ph. ignartonosbg on Pixabay

Al Pulque sono associate, ancora oggi, usanze spirituali e talvolta medicinali.
Ad esempio, alcune persone credono che un uomo che non ha prodotto figli, debba raccogliere sei piante, bere l’elisir di Pulque da esse ricavate, e il suo prossimo figlio sarà un maschio.
Le donne bevono anche un elisir Pulque, per aiutare le mestruazioni e l’allattamento, e si crede che sia un afrodisiaco.
Oggi non è così ampiamente disponibile come il Mezcal e la Tequila, si trova solo in alcune zone del Messico.
La vita dell’Agave non supera mai i trent’anni; un’altra sua particolarità è il fiore, l’unica infiorescenza che produce in tutta la sua vita e che la porta alla morte: questo fiore spunta con la forma di una pannocchia gialla, poi si apre e si formano  diverse “bracci” fioriti con piccoli fiorellini gialli.

Questa  infiorescenza può raggiungere anche gli otto metri di altezza, elemento che rende l’Agave una pianta davvero unica al Mondo.


In esoterismo, le spine di Agave sono uno strumento magico perfetto per incidere le candele.
Durante la Luna Piena si usano per iscrivere candele con incantesimi che rilasciano, bandiscono o legano, e durante la Luna Nuova per iscrivere candele con incantesimi di amore, invocazione, aumento e creazione.
Piantata fuori dalle abitazioni, è una barriera e siepe difensiva e protettiva in molte situazioni, quindi è usata per protezione e magia difensiva.

Ph. Citlali MD on Pexels

ELEMENTO: Fuoco
PIANETA: Marte
SEGNO ZODIACALE: Sagittario-Bilancia

You may also like

MadameBlatt.it
“La speranza è il tappeto magico che ci trasporta dal momento presente nel regno delle infinite possibilità” (H. J. Brown)

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso. Accetta Maggiori informazioni