Home CURIOSITA' LE SUPERSTIZIONI DEGLI UOMINI DEL MARE

LE SUPERSTIZIONI DEGLI UOMINI DEL MARE

Scritto da MadameBlatt

Sin dai tempi antichi, i marinai hanno attraversato i mari aperti per la pesca, il commercio e l’esplorazione.
Poiché questi primi marinai affrontavano grandi pericoli e incertezze, riponevano la loro fiducia nelle superstizioni, nei presagi e nella fortuna, per essere protetti e guidati a casa sani e salvi.
Le superstizioni dei marinai davano loro un senso di controllo, mentre sfidavano i mari imprevedibili.
Sebbene la navigazione oggi sia molto più sicura, molti marittimi prendono ancora queste superstizioni nautiche molto sul serio.
Immergiamoci, quindi, in alcuni dei miti e delle superstizioni sulla nautica più strani.

 

Ph. YouWorkForThem

NIENTE BANANE A BORDO
A parte le loro bucce, che potrebbero fare scivolare, le banane sono state a lungo ritenute portatrici di sfortuna, specialmente sulle navi.
Questa credenza iniziò presumibilmente durante il 1700, quando molte navi mercantili scomparvero durante la navigazione tra i Caraibi e la Spagna.
Alcuni marinai incolparono le banane che stavano trasportando, per la perdita in mare delle navi.
I pescatori credevano anche, che viaggiare con le banane a bordo significasse che non avrebbero catturato alcun pesce.
Questa convinzione derivava dal fatto, che le navi che trasportavano banane dovevano navigare il più rapidamente possibile, altrimenti i frutti si sarebbero guastati prima di raggiungere la loro destinazione.
Poiché le navi navigavano così velocemente, i pescatori che tentavano di pescare a traina, raramente catturavano qualcosa.
Oppure, un’altra causa potrebbe essere la fermentazione così rapida di questo frutto, col calore dello scafo di stoccaggio, che avrebbe prodotto fumi tossici mortali.
Infatti, le banane rilasciano gas etilene che fa maturare più rapidamente altri frutti come meloni e mele quando vengono conservati insieme.
E prima che la scienza alla base di questo fenomeno fosse compresa, i marittimi che trasportavano la frutta, quindi, credevano che le banane a bordo portassero sfortuna, causando la rovina degli altri frutti.
Bisogna dire, anche, che le casse di banane spesso potevano ospitare animali pericolosi, come ragni e serpenti velenosi, che avrebbero morso i marinai e li avrebbero fatti morire improvvisamente.
Ciò naturalmente, aumentava la paura e la credenza, che il carico di banane fosse di cattivo auspicio.
Infine, quando affondarono pesanti navi da carico, la leggenda narra che solo i frutti gialli ricurvi si sarebbero trovati a galleggiare sulla superficie dell’acqua.
Quindi, i marittimi credevano che le banane avessero causato l’affondamento della nave.
Fatto sta che, ancora oggi, molti diportisti continuano a evitare le banane in mare, alcuni addirittura evitano la lozione solare all’odore di banana…

 

Ph. DailyArtMagazine

NESSUNA DONNA A BORDO
Si diceva che le donne portassero sfortuna a bordo, perché distraevano i marinai dai loro compiti in mare.
Questo tipo di comportamento faceva arrabbiare i mari intemperanti, che si vendicavano sulla nave.
Alcuni marinai attribuivano anche gli strani suoni, che sentivano in mare, alle sirene, creature mitiche metà donna e metà uccello.
Le sirene erano leggendarie per attirare i marinai verso la morte, cantando dolci canzoni che li attiravano in acque infide.
Altri marinai, invece, incolpavano gli strani rumori del mare alle sirene che sono metà donne e metà pesce, che eseguivano le stesse canzoni ingannevoli delle sirene alate.
Abbastanza divertente, però, è che le donne nude a bordo erano completamente benvenute, perché pare che nude “calmassero il mare”.
Questo è il motivo per cui molte polene di navi raffigurano donne con il seno nudo.
Si credeva anche che gli occhi vigili delle polene femminili guidassero la nave verso la salvezza.
La nave stessa veniva anche chiamata “lei”, perché fungeva da madre protettiva, che proteggeva i marinai da un mare in tempesta.
Gli occhi aperti della polena, inoltre, guidavano i marinai verso la salvezza.
Fortunatamente, questa superstizione nautica è stata messa a tacere e le donne possono ora servire nella Marina e sui pescherecci, senza alcuna preoccupazione per la sfortuna.

 

FIGLIO DI UN CANNONE
I bambini maschi nati sulla nave venivano chiamati ‘figli di un cannone’, poiché un tempo il posto più comodo, per partorire sul ponte, era dove c’erano i cannoni.
Naturalmente, se non avevi paura a tenere una donna a bordo…
Avere un figlio maschio a bordo era un segno di buona fortuna.

 

NESSUN FISCHIO A BORDO
I marinai credevano che fischiare a bordo di una nave portasse maltempo.
Si diceva che il fischio sfidasse il vento e lo facesse aumentare, il che poteva far scaturire una tempesta.
Anche cantare su una nave poteva essere stato proibito per lo stesso motivo.
Tuttavia, se i marinai fossero rimasti bloccati in acque senza vento, potevano fischiare nella speranza di persuadere una brezza a spingerli avanti.
Questa convinzione di “fischiare una tempesta” non era l’unica superstizione dei marinai riguardo al tempo.
Alcuni marittimi credevano anche, che battere le mani a bordo avrebbe portato tuoni, o che lanciare pietre nell’oceano avrebbe causato tempeste con grandi onde oceaniche.
I marinai erano anche cauti nel portare un ombrello su una nave. Poiché gli ombrelli sono utilizzati in caso di maltempo, portarne uno a bordo era considerato una sfida.
Per proteggersi dalle tempeste e da altre disgrazie, i marinai a volte inchiodavano un ferro di cavallo all’albero della nave.

 

Dante Gabriel Rossetti

EVITARE I CAPELLI ROSSI
Si credeva che le persone con i capelli rossi portassero sfortuna.
Le teste rosse non erano le benvenute a bordo delle navi e venivano evitate dai marinai prima di iniziare un viaggio.
Se un marinaio incontrava una persona dai capelli rossi, prima di salire a bordo di una nave, egli doveva parlare con la ‘rossa’ prima che la ‘rossa’ parlasse con loro.
Questo avrebbe mitigato la sfortuna di incontrare una capigliatura fulva prima di salpare.
Credo proprio che, a quei tempi, io sarei rimasta sulla terraferma…

 

CIELO ROSSO
“Cielo rosso di notte, gioia dei marinai; cielo rosso al mattino, i marinai allertano”, recita un vecchio proverbio.
Un tramonto rosso indica una bella giornata a venire, mentre un’alba rossa indica pioggia e maltempo.

 

CONTROLLA LA TUA BOCCA
Sebbene si dica che i marinai spesso usino un linguaggio ‘forte’, ci sono alcune parole che i marittimi evitavano, perché si credeva portassero sfortuna.
Si credeva che pronunciare la parola “annegare”, mentre si era su un’imbarcazione, evocasse l’evento stesso.
Anche “Buona fortuna” e “arrivederci” erano proibiti, ed era sfortunato per le mogli dei marinai salutare o chiamare i loro mariti, una volta usciti di casa per un viaggio in mare.
Altre parole relative alla terra portavano sfortuna, se menzionate in mare, come maiali, volpi, conigli e chiesa.
Anche le parolacce durante la pesca erano considerate sfortunate.
L’unico modo per neutralizzare la sfortuna era prelevare sangue, quindi solitamente andava bene un bel pugno sul naso.

 

Ph. APK Pure

NON CAMBIARE IL NOME ALL’IMBARCAZIONE
Dopo che un’imbarcazione veniva nominata e battezzata, cambiarle il nome era considerato sfortunato.
Questo potrebbe essere dovuto al fatto, che i marinai credevano che le loro barche, una volta ricevuto il nome, avessero una mente e una vita proprie.
Un’altra spiegazione era che rinominare una nave, significava che stavi cercando di ingannare gli Dei del mare.
Infatti, secondo una leggenda, il nome di ogni nave è registrato nel “Ledger of the Deep” (Libro mastro degli abissi), quindi cambiare il nome senza avvisare Nettuno, il Dio del mare, avrebbe scatenato la sua ira.
La spiegazione più pratica, per non rinominare un’imbarcazione, era che le prime navi commerciali sviluppavano la loro reputazione nei porti in base ai loro nomi.
La modifica del nome di una nave, quindi avrebbe potuto causare problemi al capitano e all’equipaggio, durante i viaggi e gli scambi.
Ma se proprio un’imbarcazione doveva essere rinominata, secondo la tradizione era necessaria una cerimonia di denominazione, prima di ribattezzarla.
Questa cerimonia in genere prevedeva di scrivere il nome originale della nave su un pezzo di carta, piegarlo e metterlo in una scatola. La scatola andava poi bruciata e le ceneri erano gettate in mare, quando la marea si stava ritirando.
Se la cerimonia veniva eseguita lontano dalla riva, le ceneri potevano essere gettate in un fiume, per galleggiare a valle, o in un lago di notte durante la luna piena.
Una cerimonia di ridenominazione poteva anche includere la rimozione di tutte le tracce del vecchio nome della barca, compreso il giornale di bordo, i documenti e persino la scritta sullo scafo. Dopo la cerimonia ufficiale di de-naming (ridenominazione), la barca poteva essere ribattezzata con il nuovo nome.

 

Ph. Wallpaper Flare

SQUALO
Gli squali erano segni di morte e, se uno di essi seguiva l’imbarcazione, era percepito come un segno di morte inevitabile.
Tuttavia, la vera ragione per cui gli squali seguivano le navi era probabilmente quella di mangiare qualsiasi pesce o resti di cibo, che fossero caduti accidentalmente in mare.

 

Thor

VIETATO NAVIGARE DI VENERDI’
Alcuni marinai superstiziosi evitano di navigare in determinati giorni, per proteggersi dalla sfortuna.
Il venerdì è stato storicamente considerato un brutto giorno per salpare, perché è il giorno in cui Gesù Cristo fu crocifisso.
Si ritiene inoltre, che i giovedì siano giorni di navigazione sfortunati perché è il giorno di Thor, il Dio del tuono e delle tempeste.
Basandosi sempre sulla storia biblica, ci sono altri giorni sfortunati per la vela.
• – Primo lunedì di aprile, giorno in cui Caino uccise suo fratello Abele
• – Secondo lunedì di agosto, giorno in cui Sodoma e Gomorra furono distrutte
• – 31 dicembre, giorno in cui Giuda Iscariota si suicidò.
Molti marinai evitavano di salpare in quei giorni e, addirittura, quelli più superstiziosi salpavano solo la domenica, che era considerata un giorno fortunato per la navigazione.

 

Ph. Zahara Tours

DELFINI
I delfini che nuotano insieme con la nave, sono segno di buona sorte.

 

Giona

GIONA
Sulla base della storia del profeta biblico Giona, qualsiasi persona o oggetto, che portasse sfortuna su una nave, veniva chiamato “Giona”.
Infatti, nel racconto biblico, il profeta Giona ricevette l’ordine da Dio di navigare verso la città di Ninive, ma invece navigò nella direzione opposta per paura.
Dio punì Giona, portando violente tempeste sulla sua nave e il resto dell’equipaggio lo gettò in mare per placarlo.
Quindi, qualsiasi persona venisse percepita come un “Giona”, veniva buttata fuori dalla nave il prima possibile.

 

 

LOOK
Un marinaio con un lobo dell’orecchio forato, significava che aveva navigato intorno al mondo o aveva attraversato l’equatore.
I marinai superstiziosi indossavano orecchini d’oro a cerchio, perché credevano portassero fortuna.
Alcuni pensavano che l’oro possedesse poteri magici di guarigione, o che servisse come talismano protettivo, che avrebbe impedito di annegare a chi lo indossava.
Anche i tatuaggi erano visti come fortunati.
I marittimi solitamente tatuavano una stella nautica sui loro corpi, poiché la stella polare rappresentava il simbolo del riavvicinamento a casa.
Il taglio dei capelli, il taglio delle unghie e la rasatura della barba erano vietati.

 

ALBATRO
Nella poesia ‘The Rime of the Ancient Mariner’, di Samuel Taylor Coleridge si narra, che uccidere un albatro può portare seria sfortuna.
Infatti, in essa numerosi pericoli e disgrazie si abbattono su una nave, dopo che uno dei membri dell’equipaggio ha sparato a un albatro amichevole, che si era poggiato sull’imbarcazione.
Secondo antiche tradizioni, si credeva che gli uccelli marini trasportassero le anime dei marinai deceduti, quindi era di buon auspicio vederne uno, ma molto sfortunato ucciderne.

 

DEBITI
I marinai, che non avevano pagato i loro debiti, venivano accusati di provocare tempeste e altri eventi funesti, che si sarebbero verificati sulla nave.

 

GATTO
Fin dai tempi più antichi, le imbarcazioni solitamente avevano un gatto a bordo.
Il ruolo principale del gatto di una nave era catturare e uccidere i roditori, per impedire loro di rosicchiare legno, corde e in seguito cavi elettrici, oltre a portare e diffondere anche malattie, come la peste nera.
I gatti impedivano anche ai parassiti di mangiare cibo o di danneggiare merci come i cereali.
Poiché i gatti aiutavano a controllare il problema dei roditori sulle navi e fornivano anche un senso di compagnia, si credeva che portassero fortuna.
Ø Se il gatto di una nave si avvicinava a un marinaio, era di buon auspicio.
Ø Se il gatto si avvicinava e poi si voltava, era di cattivo auspicio.
Per questo motivo, i marittimi mantenevano i gatti della loro nave ben nutriti e contenti e le loro mogli a volte tenevano i gatti neri a casa, per proteggere i mariti mentre erano in mare.
Mentre parte della buona fortuna associata ai gatti sulle navi era basata sulla ragione, alcune superstizioni erano ‘magiche’.
Alcuni marinai, infatti, credevano che i gatti avessero poteri magici immagazzinati nella coda, che potevano controllare il tempo.
Si credeva che i gatti proteggessero le navi dalle tempeste, ma anche che evocassero tempeste, se cadevano o venivano gettati in mare. Se ciò accadeva, la nave sarebbe affondata durante la tempesta, oppure sarebbe stata maledetta dalla sfortuna per nove anni.
I marinai credevano anche ad altre insolite superstizioni nautiche, che circondavano i gatti:
Ø Se il gatto starnutiva, stava per piovere.
Ø Se il gatto era vivace, era un presagio di una giornata ventosa.
Ø Se il gatto si leccava il pelo, segnalava che era in arrivo una grandinata.
Sebbene le superstizioni di questi marinai possano sembrare assurde, in realtà sono in qualche modo basate sulla realtà.
Grazie alle loro orecchie interne sensibili, i gatti sono in grado di rilevare i cambiamenti climatici in modo più acuto, rispetto agli altri animali.
I gatti possono percepire la bassa pressione atmosferica, che spesso precede le tempeste in mare, e questo può indurli ad essere irrequieti o nervosi.

 

Ph. Marenauta blog

TATUAGGI
Poiché anticamente, i marinai credevano fortemente nel potere dei simboli e dei presagi, spesso si tatuavano immagini specifiche, per richiamare la fortuna o respingere la sfortuna.
I marittimi avevano spesso un tatuaggio di una stella nautica o di una rosa dei venti, che si credeva aiutasse a guidarli a casa.
I marinai si tatuavano anche immagini di galli o maiali sui piedi, per proteggersi dall’annegamento.
Molti dei primi marinai non sapevano nuotare e credevano che gli Dei avrebbero avuto pietà di loro durante un naufragio, se avessero visto le immagini degli animali sui piedi, raccogliendoli dall’acqua e portandoli in salvo a terra.
Questa superstizione potrebbe essersi sviluppata a causa del fatto che, dopo un naufragio, il bestiame leggero, come galli e galline, spesso sopravviveva, perché le loro casse galleggiavano nell’oceano.

 

Ph. Furlanetto Stampe Antiche

SPUTARE
Per buon augurio, i marinai spesso sputano in mare prima di salpare, mentre, per un lungo viaggio, versano vino sul ponte, cosa che sicuramente porterà fortuna.

 

Ph. Archivio storico Istituto Luce

SALIRE A BORDO
Sali a bordo con il piede destro: salire su un’imbarcazione con il piede sinistro porta sfortuna, quindi i marinai salgono sempre prima con il piede destro.
Inoltre, le persone con i piedi piatti portano sfortuna: come le ‘teste rosse’, le persone con i piedi piatti venivano evitate prima di un viaggio e non erano le benvenute a bordo delle navi.

 

Ph. Westwing

FIORI
I fiori sono cattivi presagi, poiché erano associati ai funerali e alle ghirlande sulle tombe, quindi non venivano mai portati sulle imbarcazioni.
Se la moglie di un marinaio cercava di salutarlo con un dono di fiori, il bouquet veniva rapidamente gettato in mare.

 

CLERO
Il clero non era benvenuto a bordo, a causa della stessa connessione con i funerali, per cui si cercava di non far salire a bordo ecclesiastici e sacerdoti.

 

Ph. HiNelson

CAMPANE
Il suono delle campane portava sfortuna, anche qualsiasi suono che le ricordasse, soprattutto quello di un funerale, o anche il suono delle campane della nave, che suonavano di propria iniziativa, come durante una tempesta o con forti venti.
Tutto ciò era anche percepito come un presagio di morte, come il suono di un bicchiere di vino, che doveva essere interrotto immediatamente.

 

ALTRI ANIMALI
Conigli e salmoni erano di cattivo auspicio e, i marinai ne trovavano uno sulla loro imbarcazione, spesso saltavano la navigazione per la giornata e invece restavano a casa.

 

CURA PERSONALE
Nessuna cura personale durante la navigazione, quindi i marinai spesso sembravano arruffati mentre erano in mare, perché si credeva che anche tagliarsi le unghie, radersi la barba e tagliarsi i capelli portasse sfortuna all’imbarcazione.

 

Sebbene queste prime superstizioni nautiche oggi possano sembrare fantasiose, molti marinai le considerano ancora miti da rispettare. Quindi, potresti ancora vedere un vecchio marinaio tatuato sputare prima di salire a bordo della sua imbarcazione, o che ti venga chiesto di buttare le banane, prima di portare il tuo frigorifero su una nave.
Oppure, potresti sentirti dire di tornare indietro e rifare la passerella, se non hai usato il piede destro, per salire a bordo.
Ma in fin dei conti, sia che tu creda nelle superstizioni dei vecchi marinai, o che tu pensi che siano antiche favole, prima di salire a bordo di un’imbarcazione, inizia a sognare, immedesimati nell’atmosfera del mondo antico, per trovare la formula magica che ti faccia navigare su mari favorevoli.
Anche della fantasia…

You may also like

MadameBlatt.it
“La speranza è il tappeto magico che ci trasporta dal momento presente nel regno delle infinite possibilità” (H. J. Brown)

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso. Accetta Maggiori informazioni