Home STORIE E LEGGENDE VEGETALI STORIE E LEGGENDE VEGETALI: SALVIA DIVINORUM, LA SALVIA DEI VEGGENTI

STORIE E LEGGENDE VEGETALI: SALVIA DIVINORUM, LA SALVIA DEI VEGGENTI

Scritto da MadameBlatt

La Salvia divinorum è una pianta allucinogena, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae.
Il nome deriva dal latino = Salvia degli indovini, ed è nota comunemente come Maria Pastora, Ska Maria Pastora, Seer’s sage, Yerba de la pastora, Salvia dei veggenti, Salvia degli Dei, Salvia del rabdomante, Menta magica, Hierba Maria.
Diffusa allo stato naturale principalmente nell’isolata Sierra Mazateca di Oaxaca in Messico, cresce nelle foreste pluviali e tropicali, in luoghi ombrosi ed umidi.
Può crescere fino ad un metro d’altezza, presenta foglie verdi con nervature giallastre,  ha peli solo sui fiori (a differenza di altre specie di Salvia), che sono bianchi con calice viola.
Il fusto è quadrato e cavo, con tendenza a rompersi o trascinarsi sul terreno, così da consentire alla pianta di radicare abbastanza facilmente ai nodi ed internodi.

Ph. tphta.ws

Infatti, questo è il modo più semplice per la riproduzione, in quanto la Salvia divinorum raramente produce semi che, tra l’altro germinano difficilmente.
Per questo motivo risulta che la pianta sia arrivata in Europa, tramite i cloni donati nel 1962 da una curandera mazateca a Robert Gordon Wasson (etnomicologo, banchiere e saggista statunitense) ed Albert Hofmann (chimico svizzero, il primo ricercatore a classificare la Salvia divinorum).
La Salvia divinorum è una specie con proprietà psicoattive, che si attivano quando le foglie vengono masticate, fumate o bevute come tè.
Le foglie contengono composti simili agli oppioidi, tra cui Salvinorin A, che provocano allucinazioni.
Da tempo immemorabile, ne fanno uso nei rituali religiosi, divinatori e curativi, gli Indios mazatechi messicani.
In medicina, i preparati tradizionali di questa pianta sono stati utilizzati nei trattamenti di malattie, che convergono con condizioni infiammatorie e dolore, mentre in alcuni Paesi gli estratti sono diventati popolari come droga ricreativa, grazie ai suoi effetti allucinogeni.

Ph. gardentags.com

Il suo uso esteso è stato facilitato dalla sua accessibilità su Internet, ed è molto richiesta a causa del suo potente effetto allucinatorio, leggermente inferiore al noto allucinogeno sintetico, l’LSD.
Nonostante ciò, le preparazioni tradizionali con quantità minori di Salvia divinorum sono ancora utilizzate nei trattamenti di malattie come mal di testa, problemi gastrointestinali o reumatismi.
La Salvia divinorum è legale in alcuni Stati ed illegale in altri, anche se reperibile ed acquistabile ugualmente…
Gli Sciamani mazatechi estraggono il succo dalle foglie fresche, schiacciandole, lo mescolano all’acqua e preparano un tè, che induce visioni nei rituali di guarigione.
Essi credono che la Salvia divinorum sia una manifestazione fisica della Vergine Maria e dicono che “La Maria parla a bassa voce“.

Ph. herbalspirit.nl

Nel 1939, la Salvia divinorum fu scoperta dalla scienza occidentale, da Jean Basset Johnson, un antropologo e linguista americano, che condusse studi sul campo in Messico, durante gli anni ’30 e l’inizio degli anni ’40.
Successivamente, la pianta fu accolta dai praticanti dell’occulto in Occidente e ora è diffusa nelle comunità di “streghe” in Europa.
Questi rituali hanno quindi una radice pagana e cercano di entrare in comunione con gli Spiriti della natura, per curare i malati.
La Salvia divinorum è anche usata per quella che viene chiamata una ricerca spirituale, in cui i partecipanti descrivono di aver lasciato i loro corpi e di aver viaggiato nel tempo e nello spazio.
Gli effetti che la Salvia divinorum ha sulla mente sono molti, può indurre vivide allucinazioni, cambiamenti di umore e sensazioni, confusione e grandi sbalzi emotivi, ma gli effetti davvero interessanti sono la sensazione di distacco dalla realtà e da sé.

Ph. m.imdb.com


Quest’ultimo effetto, è ciò che lo rende uno strumento spirituale prezioso.

Il distacco può essere così grave, che non è possibile separare ciò che è reale e ciò che non lo è, rendendo l’esperienza molto sovversiva.
L’intensità di questi effetti possono essere mentalmente estenuanti, ma fortunatamente gli effetti svaniscono dopo 30 minuti.
Quando si appronta una cerimonia di allucinazioni sciamaniche, c’è molta preparazione per la persona che subisce il rito.
Uno Sciamano può essere un uomo o una donna e, di solito, le persone gli vengono portate, se gli abitanti del villaggio lo ritengono degno e con vere intenzioni.
Per sottoporsi a questa cerimonia, tuttavia, la persona che partecipa deve prendere parte alla preparazione rituale, che prevede un digiuno speciale, l’astinenza sessuale e la raccolta rituale della pianta.
Chi raccoglie le foglie della pianta per la preparazione, lo fa con rispetto e cura, a causa del legame mistico che si dice che la pianta abbia.

Ph. biodiversity4all.org

Infatti, i Mazatechi considerano la Salvia divinorum un santo sacramento, per questo tutti i suoi nomi fanno riferimento in qualche modo alla divinazione spirituale ed alla Vergine Maria.
Quando un curandero si propone di raccogliere le foglie di questa pianta sacra, prende ulteriori precauzioni, per non calpestare accidentalmente nessuna delle piante circostanti, si inginocchia e offre una preghiera alla pianta, prima e dopo aver raccolto le sue foglie.

Dopo che le foglie sono state utilizzate, il curandero fa di tutto per scartare i resti della pianta in un luogo sicuro, dove non sarà calpestato da altre persone, o disturbato da animali in cerca di cibo.
La dose di Salvia divinorum da far assumere a chi si sottopone al rituale, è calcolata sulla sua massa corporea.
Lo Sciamano inizia quindi a cantare una lunga melodia, in cui chiama gli idoli soprannaturali, le forze del canyon, la Santissima Trinità, i santi cattolici ed il sole, come esseri supremi per proteggere la persona che ha le allucinazioni e mostrargli la strada:

“Vento della casa dei Mazatechi!
Vento del precipizio!
Lascialo passare bene nel suo cammino.
Possa il sole sorgere bene e proteggerlo
mentre viaggia negli anfratti alla ricerca della Pastora.
Dio ci sta creando”!

 

Ph. mycotrop.com

Alla fine del canto, lo Sciamano schiaccia le foglie della Salvia divinorum in una ciotola di zucca che contiene acqua, fino a quando tutto il “sangue della foglia” viene estratto in una pozione verde e schiumosa.
La persona poi deve bere la pozione tutta in una volta, ed adagiata su un tappeto d’erba.
L’unica luce nella capanna d’erba è il falò.
Dopo poco, la persona che subisce la cerimonia sperimenterà sensazioni muscolari e brividi, simili a una febbre, poi inizierà a notare più deboli rumori che sembrano amplificati, mentre allo stesso tempo sperimenterà lentamente immagini visive interiori acquisite lentamente, che hanno un flusso affascinante, automatico, colorato e dinamico.
Per secoli, quindi, i Mazatechi hanno utilizzato Salvia divinorum nelle cerimonie per diagnosticare malattie, aiutare nella guarigione, vedere nel futuro, trovare oggetti perduti ed identificare i ladri.

Ph. naturalista.mx

Se un oggetto prezioso si fosse perso nella foresta, i Mazatechi avrebbero chiamato un curandero, per eseguire un rituale sacro.
Il curandero aspetta fino al tramonto, colloca la persona che ha perso l’oggetto in un luogo molto buio e tranquillo, ed offre una preghiera alla pianta.
Dopodichè, ricava la pozione dalle foglie di Salvia divinorum, come descritto precedentemente e la somministra alla persona.
Mentre la persona sta sperimentando gli effetti della pozione, il curandero ascolta attentamente tutto ciò che la persona ha da dire.
La mattina seguente il curandero usa queste informazioni, per aiutare a trovare l’oggetto smarrito.

Ph. news.culturacolectiva.com

PIANETA: Mercurio
ELEMENTO: Aria
SEGNO ZODIACALE ASSOCIATO: Gemelli
CHAKRA: 7, Sahasrara (C. della corona)

You may also like

MadameBlatt.it
“La speranza è il tappeto magico che ci trasporta dal momento presente nel regno delle infinite possibilità” (H. J. Brown)

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso. Accetta Maggiori informazioni