Home ESOTERISMO HALLOWEEN, LA NOTTE DELLE OMBRE

HALLOWEEN, LA NOTTE DELLE OMBRE

Scritto da MadameBlatt

Halloween è una festa celebrata ogni anno il 31 ottobre.
La tradizione ha avuto origine dall’antica festa celtica di Samhain, quando le persone accendevano falò ed indossavano costumi per allontanare i fantasmi.
Nel VIII secolo, Papa Gregorio III designò il 1 novembre, come un momento per onorare tutti i Santi.
Ben presto, il giorno di Ognissanti incorporò alcune delle tradizioni di Samhain.
La sera della vigilia era conosciuta come All Hallows Eve, che successivamente divenne Halloween.
Nel tempo, Halloween si è evoluto in una giornata di attività come “dolcetto o scherzetto”, intaglio di Jack-o-lantern (zucca), riunioni festive, indossare costumi e mangiare dolcetti.


Tornando alle origini, Samhain, i Celti vissero 2.000 anni fa, principalmente nell’area che ora è l’Irlanda, il Regno Unito e la Francia settentrionale, e festeggiavano il loro nuovo anno il 1 ° novembre.
Questo giorno segnava la fine dell’estate, il raccolto e l’inizio del buio e freddo inverno; un periodo dell’anno che era spesso associato alla morte umana. I Celti credevano che la notte della vigilia del nuovo anno, il confine tra il mondo dei vivi e quello dei morti diventasse più sottile.
Quindi nella notte del 31 ottobre celebravano Samhain, credendo che i fantasmi dei morti tornassero sulla terra.
Oltre a causare problemi e danneggiare i raccolti, i Celti pensavano che la presenza degli spiriti ultraterreni rendesse più facile per i Druidi (sacerdoti celtici) fare previsioni sul futuro.


E, per un popolo completamente dipendente dal volubile mondo naturale, queste profezie erano un’importante fonte di conforto, durante il lungo e buio inverno.
Per commemorare l’evento, i Druidi costruivano enormi falò sacri, dove le persone si riunirono per bruciare raccolti e animali, come sacrifici alle divinità celtiche.
Durante la celebrazione, i Celti indossavano costumi, tipicamente costituiti da teste e pelli di animali, e cercavano di raccontarsi vicende.
Al termine della celebrazione, con il sacro falò riaccendevano i fuochi del focolare in casa, che avevano spento la sera prima, per essere protetti durante l’inverno.
Nel 43 d.C., l’Impero Romano aveva conquistato la maggior parte del territorio celtico.


Nel corso dei 400 anni di governo delle terre celtiche, due feste di origine romana furono combinate con la tradizionale celebrazione celtica di Samhain.
Il primo fu Feralia, un giorno di fine ottobre, in cui i Romani tradizionalmente commemoravano la morte dei morti.
Il secondo fu un giorno per onorare Pomona, la dea romana della frutta e degli alberi. Il simbolo di Pomona era la mela e l’incorporazione di questa celebrazione a Samhain, spiega probabilmente la tradizione del “bobbing” (pesca delle mele), che viene praticata oggi ad Halloween.
Il 13 maggio 609 d.C., Papa Bonifacio IV dedicò il Pantheon a Roma in onore di tutti i martiri cristiani, e nella chiesa occidentale fu istituita la festa cattolica di Tutti i Martiri.
Papa Gregorio III, in seguito, ampliò la festa per includere tutti i Santi e tutti i martiri e spostò l’osservanza dal 13 maggio al 1 novembre.


Nel IX secolo, l’influenza del Cristianesimo si era diffusa nelle terre celtiche, dove gradualmente si mescolò e soppiantò i riti celtici più antichi. Nel 1000 d.C., la chiesa stabilì il 2 novembre il Giorno dei Morti, giorno per onorare i defunti.
Oggi è opinione diffusa, che la Chiesa stesse tentando di sostituire la festa celtica dei morti con una festività correlata ed autorizzata dalla chiesa.
Il Giorno dei morti. Quindi, era celebrato in modo simile a Samhain, con grandi falò, sfilate e travestimenti in costumi da santi, angeli e diavoli.
La celebrazione del giorno di Ognissanti era anche chiamata “All-hallows” o “All-hallowmas” (dall’inglese medio “Alholowmesse” che significa Ognissanti) e la notte prima, la tradizionale notte di Samhain nella religione celtica, iniziò a essere chiamata “All-Hallows Eve” ed infine, “Halloween”.
La celebrazione di Halloween era estremamente limitata nel New England coloniale, a causa dei rigidi sistemi di credenze protestanti.

By Burning Moon

Halloween era molto più comune nel Maryland e nelle colonie meridionali.
Mentre le credenze e le usanze dei diversi gruppi etnici europei e degli indiani d’America si mescolavano, iniziò ad emergere una versione distintamente americana di Halloween.
Le prime celebrazioni includevano “feste di gioco”, che erano eventi pubblici tenuti per celebrare il raccolto.
Le persone condividevano le storie dei morti, si raccontavano le vicende, ballavano e cantavano.
Le festività coloniali di Halloween erano caratterizzate dal racconto di storie di fantasmi e malizie di ogni tipo.
Entro la metà del XIX secolo, le festività autunnali annuali erano comuni, ma Halloween non era ancora celebrato in tutto il Paese.
Nella seconda metà del XIX secolo, l’America fu inondata di nuovi immigrati. Questi nuovi immigrati, in particolare milioni di Irlandesi in fuga dalla fame del loro Paese, contribuirono a rendere popolare la celebrazione di Halloween a livello nazionale.

By The Alchemist’s Kitchen

Prendendo in prestito dalle tradizioni europee, gli Americani iniziarono a vestirsi con costumi e andare di casa in casa chiedendo cibo o denaro, una pratica che alla fine divenne la tradizione odierna del “dolcetto o scherzetto”. Le giovani donne credevano, che ad Halloween avrebbero potuto indovinare il nome o l’aspetto del loro futuro marito, facendo trucchi con filo, bucce di mele o specchi.
Alla fine del 1800 in America, Halloween si trasformò in una festa più incentrata sulla comunità e le riunioni di vicinato, che su fantasmi, scherzi e stregoneria.
All’inizio del secolo, le feste di Halloween per bambini e adulti diventarono il modo più comune per celebrare la giornata.
Feste incentrate su giochi, cibi di stagione e costumi festivi.
Negli anni ’20 e ’30, Halloween diventò una festa secolare, ma incentrata sulla comunità, con sfilate e feste di Halloween in tutta la città come intrattenimento in primo piano.


Tra il 1920 e il 1950 fu ripresa anche la secolare pratica del “dolcetto o scherzetto”. Questo era un modo, relativamente economico, per un’intera comunità di condividere la celebrazione di Halloween.
In teoria, le famiglie potevano impedire che gli venissero giocati degli scherzi, fornendo ai bambini del vicinato piccoli dolcetti.
Così nacque una nuova tradizione americana, che ha continuato a crescere.
Oggi, gli Americani spendono circa 6 miliardi di dollari all’anno per Halloween, rendendola la seconda festa commerciale più grande del Paese dopo Natale.
Parlando di successo commerciale, sono stati realizzati numerosi film spaventosi di Halloween.

I film classici di questa ricorrenza includono “Halloween”, basato sul film originale del 1978 diretto da John Carpenter ed interpretato da Donald Pleasance, Nick Castle, Jamie Lee Curtis e Tony Moran.
Da non dimenticare anche “Scream”, “Nightmare on Elm Street”, “Friday the 13”, “Hocus Pocus”, “L’incubo prima di Natale”, “Beetlejuice” e “È la grande zucca, Charlie Brown”.
Tornando alla tradizione americana di “dolcetto o scherzetto di Halloween”, essa risale probabilmente alle prime sfilate del Giorno dei morti in Inghilterra. Durante i festeggiamenti, i cittadini poveri chiedevano cibo e le famiglie più abbienti davano loro pasticcini chiamati “dolci dell’anima” (Soul Cake), in cambio della loro promessa di pregare per i parenti morti della famiglia.

Soul Cake

La distribuzione dei dolci dell’anima fu incoraggiata dalla Chiesa, come un modo per sostituire l’antica pratica di lasciare cibo e vino agli spiriti vaganti.
La pratica, che è stata definita “andare in giro”, è stata alla fine adottata dai bambini, che visitavano le case del loro quartiere e ricevevano birra, cibo e denaro.
La tradizione di vestirsi in costume per Halloween ha radici sia europee che celtiche.
Centinaia di anni fa, l’inverno era un periodo incerto e spaventoso. Le scorte di cibo spesso scarseggiavano e, per le molte persone che avevano paura del buio, le brevi giornate invernali erano piene di costante preoccupazione.
Ad Halloween, quando si credeva che i fantasmi tornassero nel mondo terreno, le persone pensavano che avrebbero incontrato i fantasmi, se avessero lasciato le loro case.


Per evitare di essere riconosciuti da questi fantasmi, le persone indossavano maschere quando uscivano dopo il tramonto, in modo che i fantasmi li scambiassero per spiriti simili a loro.
Ad Halloween, per tenere i fantasmi lontani dalle loro case, le persone posizionavano ciotole di cibo fuori dalle loro case, per placare i fantasmi e impedire loro di tentare di entrare.
Halloween è sempre stata una festa piena di mistero, magia e superstizione, ma anticamente si pensava che gli spiriti fossero abbastanza amichevoli.
I fantasmi di Halloween di oggi sono spesso descritti come più spaventosi e malevoli, ed anche le nostre usanze e superstizioni sono più spaventose.
Evitiamo di incrociare i sentieri con i gatti neri, temendo che possano portarci sfortuna. Questa idea ha le sue radici nel Medioevo, quando molte persone credevano che le streghe evitassero di essere riconosciute, trasformandosi in gatti neri.

By Adam Burke

Cerchiamo di non camminare sotto le scale per lo stesso motivo. Questa superstizione potrebbe provenire dagli antichi Egizi, che credevano che i triangoli fossero sacri (potrebbe anche avere qualcosa a che fare con il fatto, che camminare sotto una scala inclinata tenda ad essere abbastanza pericoloso). E intorno ad Halloween, in particolare, cerchiamo di evitare di rompere gli specchi, di calpestare le crepe della strada o di versare il sale.
Le popolazioni celtiche avevano la tradizione importantissima di celebrare la “Notte delle Ombre“, o “Notte Nera”.
Essi onoravano il passaggio dalla stagione autunnale a quella invernale, con la festività di Samhain, come il loro Principe delle Tenebre.

By Raluca Iosifescu

Le leggende raccontano anche, che in questa notte magica la natura interagiva con gli esseri umani e, per esempio, gli animali acquistavano voci comprensibili.
Infatti, origliando alle porte delle stalle, i contadini potevano ascoltare i discorsi dei cavalli, delle capre e degli altri animali.
Anche se spesso evitavano, temendo di sentire cose che li avrebbero fatti impazzire dalla paura.
La Notte delle Ombre era anche l’unico momento in cui Satana poteva venire consultato a scopi divinatori, perché la divinazione era un altro elemento della magia di Halloween.
Naturalmente l’animo umano e la sua naturale propensione a sfruttare a proprio vantaggio ogni momento di magia, ha sempre cercato di utilizzare a proprio piacimento ogni sentore magico di questo particolare mese dell’anno.

By Bobbie Berendson W

Durante la notte di Halloween, occorre evocare le vibrazioni che proteggono dalle energie negative, per allontanarle e poterle dominare durante i dodici mesi successivi.
Le piante dedicate alla Notte delle Ombre sono l’Assenzio, per richiamo degli spiriti e per indurre la mente alla rilassatezza sino alla veggenza, e la corteccia di Sandalo, che allontana gli influssi negativi, per la meditazione e le invocazioni.

Di seguito, alcuni incantesimi da effettuare intorno alla mezzanotte del 31 ottobre.

 

INCANTESIMO PER ACQUISIRE MAGGIORE SICUREZZA IN SE STESSI E FORTUNA
Accendere una candela verde.
Mettere alcune foglie di salvia in un piattino di terracotta sopra un tavolo, coperto con un panno bianco pulito.
Aggiungere un pizzico di lavanda ed un pizzico di sale grosso ripetendo per tre volte questa formula:
“Alla sorgente di ogni potere naturale
io chiedo di illuminarmi;
la mia offerta è questa
il mio cuore è puro;
Arrivi a me ciò di cui ho bisogno
vada via da me ciò che mi opprime!”
Spegnere la candela con due dita e buttarla via, insieme con salvia e sale in acqua corrente.

 

 

INCANTESIMO PER OTTENERE UNA RISPOSTA AD UN QUESITO CHE STA MOLTO A CUORE
Prendere una foglia ed incidervi la domanda.
Sotterrarla in un vaso e mettere una candela arancione accesa.
Pronunciare:
“Spiriti della terra che custodite i tesori delle miniere.
Gnomi laboriosi e nascosti,
spiriti dell’aria che aleggiate fra le chiome degli alberi.
Silfi trasparenti e leggeri,
spiriti dell’acqua che nuotate negli oceani infiniti.
Ondine dalle chiome di luna,
spiriti del fuoco che danzate nella fiamma ardente.
Salamandre custodi del fuoco sacro,
io vi invoco accanto a me e dentro di me,
che la sentenza sia giusta, che la sentenza sia vera,
che la via sia sgombra e l’ora propizia”.
Dopodiché richiudere la finestra e lasciare che la candela si consumi, senza spegnerla.
La mattina dopo guardare la foglia: se è intatta, la risposta è positiva, se è rovinata, si avvera ma in tempi lunghi, se è accartocciata o totalmente rovinata la risposta è negativa.

 

 

INCANTESIMO PER PROPOSTA DI MATRIMONIO
Se si è fidanzate ed in attesa impaziente della fatidica proposta di matrimonio, che non arriva mai, prendere un piccolo quarzo rosa e stringerlo nella propria mano sinistra, pensando intensamente al futuro matrimonio.
Portare il quarzo in tasca o tenerlo con sé per circa sette giorni (iniziando il 31 ottobre), poi nasconderlo sotto il materasso del proprio fidanzato.
Entro tre mesi, la proposta arriverà.

 

 

INCANTESIMO PER “TROVARE” MARITO
Prendere una candela arancione, posarla davanti a uno specchio nella propria camera da letto. Qualche minuto prima di mezzanotte, al buio, accendere la candela,  sedendosi davanti alla fiamma riflessa nello specchio.
Concentrarsi attentamente, immaginandosi vestita da sposa.
Spegnere poi la candela, aspettando almeno qualche minuto.
Entro e non oltre l’inverno, si troverà l’uomo da portare all’altare.

 

 

INCANTESIMO PER CONOSCERE IL VOLTO DELL’UOMO COL QUALE SPOSARSI
Nella notte di Halloween, recarsi in un posto in cui la luna sia ben visibile, volgerle le spalle in modo tale che la sua luce si rifletta in uno specchio che si avrà in mano.
Accendere una candela verde e metterla davanti a sè, in modo tale da vedersi nello specchio e vedere anche la luna dietro di sè.
Sulla propria spalla sinistra apparirà nello specchio il volto dell’uomo che si sposerà.

Ph. Becky Biasucci

 

You may also like

MadameBlatt.it
“La speranza è il tappeto magico che ci trasporta dal momento presente nel regno delle infinite possibilità” (H. J. Brown)

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso. Accetta Maggiori informazioni